0 0
Pesto al basilico senza formaggio

Condividi nel tuo social network:

Oppure condividi questo indirizzo

Ingredienti

100 gr basilico solo le foglie
1 spicchio aglio o 2 a piacere
q.b sale
40 gr pinoli
180-200 ml olio di oliva
4 agosto 2017

Pesto al basilico senza formaggio

Caratteristiche:
  • Lactose Free
  • Vegano
Cucina:

Ottimo da congelare e conservare per assaporare d'inverno il profumo dell'estate!

  • Facile

Procedimento

Il pesto al basilico è la conserva (sugo) più profumata che tutti possiamo preparare in casa durante i mesi estivi.

Il basilico è bellissimo da tenere sui balconi: lo potete usare fresco per i vostri piatti e infine divertirvi a preparare un ottimo pesto.

Il nostro è ovviamente un pesto senza lattosio e infatti lo prepareremo senza l’aggiunta di formaggio (la ricetta classica prevede il parmigiano).

E vi svelo un segreto: fatto senza formaggio il pesto dura di più, sia in frigorifero che in congelatore.

Vediamo come prepararlo allora.

Staccate le foglie del basilico, gettate quelle gialle o un po’ rovinate, lavatele molto bene e lasciatele asciugare un po’ appoggiate su un canovaccio di lino o di cotone bianco. Poi asciugatele delicatamente.

L’ideale, per fare un pesto “coi fiocchi”, sarebbe usare un mortaio in marmo, ma siccome non pretendiamo di comprare un mortaio per provare a fare il pesto, usate pure il frullatore. Attenti però con i tempi, perché, se frullate troppo, le foglie diventeranno scure, ovvero perderanno la loro brillantezza.

Mettete dunque le foglie in un frullatore, aggiungete l’aglio dopo averlo tritato e i pinoli. Versate poco olio e iniziate a frullare. Aggiungete il rimanente olio un poco alla volta (ma non troppo lentamente) fino a raggiungere la giusta consistenza (non troppo denso, né troppo “acquoso”).

Riempite dei vasetti di vetro (bel lavati ed asciugati) delle dimensioni che preferite, coprite la superficie con olio di oliva e chiudete bene.

Potete conservare i vasetti in frigo se li consumerete entro pochi giorni, ma date le quantità di questa ricetta, vi consiglio di congelarli così da poterne usare uno alla volta e gustare il vostro pesto anche nei mesi invernali.

 

Polpette di salsiccia con insalata russa5
precedente
Polpette di salsiccia con insalata russa
Insalata di farro e carpaccio4
successiva
Carpaccio e rucola su insalata di farro

Aggiungi un commento

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. ulteriori informazioni

L'utilizzo dei cookie da parte di questo sito permette di dare all'utente una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul sito cliccando su "Accetto" dai il consenso all'utilizzo.

Chiudi