0 0
Salvia fritta in pastella alla birra

Condividi nel tuo social network:

Oppure condividi questo indirizzo

Ingredienti

20 foglie salvia
100 g farina 00
150 g birra bionda
30 g olio di semi
qualche goccia succo di limone
15 g sale
200 g olio di girasole
27 Maggio 2023

Salvia fritta in pastella alla birra

Caratteristiche:
  • Lactose Free
  • Vegano
Cucina:

Ancora più stuzzicanti e decisamente più salutari delle patatine fritte, le foglie di salvia fritte in pastella alla birra ingolosiscono la tavola e accontentano tutti!

  • 15 min
  • Porzioni 4
  • Facile

Procedimento

Un aperitivo con gli amici, voglia di aprire un pranzo o una cena con uno stuzzichino o di stupire gli ospiti con qualcosa di goloso e inaspettato? Quello che fa per te è la salvia fritta in pastella alla birra!

Basteranno pochi minuti per prepararla e sarà un appetizer molto più leggero e apprezzato delle banali patatine fritte.

Leggero ma anche salutare, perchè la salvia ha un sacco di proprietà benefiche per il nostro organismo.

Le proprietà della salvia.

La salvia è nota fin dall’antichità come pianta della salute.

Nelle antiche medicine egiziane, greche e romane veniva infatti utilizzata

  • per la fertilità,
  • per ridurre il flusso mestruale,
  • per fermare l’emorragia delle ferite,
  • per tenere a bada le vampate di calore in menopausa,
  • per le infiammazioni alla gola e delle vie aeree,
  • per disinfettare ferite e ulcere.

Il suo nome non a caso deriva dal latino salvusche significa niente meno che “salvo“. E la scuola Medica Salernitana addirittura insegnava:

“Perché dovrebbe morire l’uomo nel cui giardino cresce la salvia?”.

La salvia assunta per via orale, sotto forma di tisane, oli essenziali, estratto secco o capsule è ancora oggi un efficace rimedio per

  • favorire la digestione,
  • curare le infiammazioni orofaringee,
  • lenire i problemi della menopausa come vampate e sudorazione notturna,
  • alleviare i dolori mestruali.

Le foglie fresche, o il loro infuso, sono invece ottime per:

  • disinfettare le ferite,
  • sbiancare i denti,
  • rinfrescare l’alito.

Atiossidante, antidolorifica e antisettica, questa erba aromatica è davvero un grande aiuto per la nostra salute.

La salvia fritta è una ricetta che permette di mangiare le preziose foglie che di solito, utilizzate per insaporire i piatti, vengono abbandonate sui bordi del piatto e non consumate.

Attenzione a non esagerare però, perchè la salvia contiene il tujone.

E’ la sostanza col caratteristico odore di mentolo, comune anche alla menta e all’issopo. E’ neurotossica e può quindi provocare stati di eccitazione anomali e addirittura, se proprio proprio ti abbuffi di salvia, convulsioni.

Non esistono normative sui limiti nel consumo di salvia, ma direi che 5-6 foglie belle carnose fritte in pastella sono una dose perfetta!

Ti consiglio infine di non mangiarla in caso di epilessia o se sei in dolce attesa.

Ecco allora gli ingredienti che ti serviranno per portre in tavola questo snack.

 

Ingredienti per preparare la salvia fritta.

20 foglie di salvia fresca, 100 g di farina 00 (o a basso indice glicemico se preferite), 150 g di birra chiara fredda di frigo, 30 g di olio di semi di girasole, qualche goccia di succo di limone, 15 g di sale, 200 g di olio per friggere.

Raddoppia le dosi mano mano che raddoppia il numero dei tuoi commensali.

Come fare la salvia fritta in pastella alla birra.

  • Lava per bene le foglie di salvia, poggiale su un canovaccio bianco, asciutto e pulito (meglio se di lino), tamponale delicatamente e poi lasciale asciugare.
  • Mentre la salvia si asciuga prepara la pastella alla birra.
  • Versa la farina in una ciotola, aggiungi qualche goccia di limone, 30 g di olio di girasole e un pizzico di sale; unisci poi la birra fredda.
  • Sbatti la pastella con delle fruste elettriche fino a ottenere un composto liscio e uniforme.
  • Adesso versa l’olio di semi per la frittura in una pentola e portalo al punto di fumo.
  • Immergi una alla volta, tenendole per il picciolo, le foglie di salvia nella pastella in modo che la pastella aderisca bene a tutta la superficie della foglia. Tuffale nell’olio bollente.
  • Ti consiglio di friggere 5-6 foglie alla volta e di rigirarle spesso nell’olio in modo che non si attacchino le une alle altre.
  • Non appena le foglie saranno dorate, prelevale dall’olio con l’aiuto di un cucchiaio con fori e posale su un foglio di carta assorbente così che perdano l’olio in eccesso.
  • Terminata la frittura di tutte le foglie, spolvera con un altro po’ di sale e servi in un bel vassoio festoso!

 

(Visitata 1.091 volte, 1 visite oggi)
precedente
Verdure di primavera

Aggiungi un commento

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. ulteriori informazioni

L'utilizzo dei cookie da parte di questo sito permette di dare all'utente una migliore esperienza di navigazione. Se continui a navigare sul sito cliccando su "Accetto" dai il consenso all'utilizzo.

Chiudi